Get Adobe Flash player

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi476
mod_vvisit_counterIeri9200
mod_vvisit_counterSettimana12291
mod_vvisit_counterMese27031
mod_vvisit_counterTotale2262228

Oggi è il 18 Ott 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



L'ORTO IN CASA un percorso formativo

 

L'idea che una società più sostenibile dal punto di vista ambientale si può costruire anche attraverso le scelte consapevoli e le piccole azioni concrete dei cittadini è, oggi più che mai, una realtà.

La realizzazione di un orto domestico, significa emancipare un nucleo familiare, almeno in parte, dall'acquisto di ortaggi che altrimenti dovrebbero essere prodotti in luoghi verosimilmente lontani dal luogo di consumo e conseguentemente soggetti a più passaggi intermedi con l'inevitabile aumento dei costi sia per il consumatore che per l'ambiente. Scegliere prodotti locali e di stagione significa agire in armonia con la natura, rispettando la biodiversità, limitando i trasporti e riducendo di conseguenza l'inquinamento e la produzione di rifiuti. Imparare a mangiare in modo sano e consapevole è una possibilità a disposizione di tutti, lo dimostra l'idea dell'orticoltura domestica che conquista sempre più appassionati, anche tra i personaggi pubblici come Michelle Obama, la quale ha creato un piccolo orto alla Casa Bianca che utilizza per produrre ortaggi da consumare con il proprio nucleo familiare, nonché per manifestazioni umanitarie e culturali. Tramite la pratica dell'orto domestico, si concretizza l'attenzione alla qualità dell'ambiente incentivando a coltivare anche su un balcone e valorizzando le pratiche di filiera corta, grazie alle quali si può contribuire a modificare l'ottica di sostenibilità degli attuali modelli di consumo di prodotti agroalimentari, creando una società più vicina alla terra e più consapevole dell'impatto che le azioni quotidiane hanno sull'ambiente circostante.

Coltivare insalata, zucchine, peperoni è alla portata di tutti, e per tutti i climi del nostro Paese. Infatti, gli ortaggi, per crescere non necessitano di grandi spazi. Spesso, è sufficiente fare posto in una veranda, oppure su un balcone. L'importante è che l'ambiente sia luminoso ed arieggiato.

Intraprendere un percorso educativo basato sull'adozione di nuove pratiche di agricoltura urbana e su una maggiore conoscenza dell'ambiente, delle piante e delle tradizioni agricole locali, ci rende protagonisti consapevoli della filiera agroalimentare, capaci di indirizzare il futuro della società verso modelli di sviluppo sostenibile.

L'intento è di riprodurre la memoria di tradizioni colturali e culturali, di rinnovare in maniera creativa saggezze contadine e sapienze artigianali, con la visione dell'orto su un piano di nobiltà complessa proponendolo non solo come un fatto agricolo e spazio verde coltivato, ma anche come una grande occasione di socialità e di cultura.

"La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono"

(Albert Einstein)

 

Servizio a cura dell'Agr. Andrea Alteri