Get Adobe Flash player
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1804
mod_vvisit_counterIeri683
mod_vvisit_counterSettimana2487
mod_vvisit_counterMese33392
mod_vvisit_counterTotale2230489

Oggi è il 25 Set 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



CUD INPS: dal 2013 stop all’invio per posta, si ottiene per via telematica o con canali alternativi. Difficoltà per milioni di pensionati


È al via da quest'anno un'importante innovazione in tema fiscale che riguarda milioni di pensionati, che tuttavia è stata introdotta

repentinamente senza una adeguata divulgazione e preparazione.

È comunque una "rivoluzione epocale", la recente legge di stabilità infatti, ha previsto che l’invio di comunicazioni e certificazioni ai cittadini da parte delle pubbliche amministrazioni, deve avvenire per mezzo dei canali telematici.

Lo scopo dichiarato è quello di ridurre tempi e costi di consegna, le modalità d'introduzione tuttavia non sono state commisurate all'importanza dell'evento, e la decisione di iniziare dal 2013 ha colto impreparati moltissimi utenti soprattutto pensionati, che non hanno potuto adeguarsi alla "rivoluzione" informatica, la necessità dello Stato di ridurre i costi pertanto, è stata anteposta alle difficoltà che il cambiamento comporta, specie ai consumatori anziani.

Ben vengano le innovazioni informatiche a snellire le procedure, tuttavia cambiamenti così radicali dovrebbero essere più graduali, divulgati attraverso un'adeguata campagna d'informazione, affiancati inizialmente a metodi di consegna "tradizionali", specie quando coinvolgono le classi "meno preparate" al cambiamento.

Il risultato, commenta il Presidente Avv. Rocco SOFI, è che milioni di pensionati, non ricevendo più il CUD cartaceo, si trovano ora in difficoltà costretti ad addentrarsi in procedure informatiche sovente "ostiche" per i più anziani, o a doversi muovere tra CAF, Poste, sportelli autorizzati, call center, ecc, il tutto per ottenere un documento non finalizzato a loro stessi, ma che serve allo Stato per riscuotere le loro imposte.

 

Per contribuire alla divulgazione, riportiamo di seguito la comunicazione INPS, su come ottenere il CUD:


Da quest’anno, l’Inps renderà disponibile la certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, pensione ed assimilati (CUD) in modalità telematica.

I cittadini potranno visualizzare e stampare il proprio CUD dal sito INPS seguendo il percorso:


www.inps.itServizi al cittadino → PIN(*) → Fascicolo previdenziale per il cittadinoModelliCud Unificato


(*) Chi non è in possesso del PIN (Numero Identificativo Personale) può richiederlo in uno dei modi seguenti:

  • Online sul sito istituzionale www.inps.it entrando nella sezione Servizi/PIN online
  • Tramite Call Center da rete fissa al numero 803 164, gratuitamente
  • Tramite Call Center da cellulare al numero 06 164 164, a pagamento secondo il proprio gestore telefonico
  • Presso le Agenzie territoriali dell’Inps.

Ai cittadini in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata CEC-PAC, noto all’Istituto, il CUD verrà recapitato direttamente alla corrispondente casella PEC.

Chi non ha una casella di posta certificata nota all'istituto, e non ha modo di accedere al sito INPS, per ottenere il CUD (necessario per dichiarare i redditi 2013) dovrà ricorrere necessariamente a sistemi alternativi.


Modalità alternative per ottenere il CUD:

  • Sportelli veloci delle Agenzie dell’Istituto

In tutte le strutture territoriali dell’Inps (comprese quelle ex Inpdap ed ex Enpals) durante il primo trimestre dell’anno, avranno almeno uno sportello veloce dedicato al rilascio del CUD cartaceo, indipendentemente dalla gestione previdenziale.

  • Postazioni Informatiche self service

Gli utenti in possesso del PIN potranno stampare i certificati reddituali utilizzando le postazioni self service, istituite presso tutte le strutture territoriali, ricorrendo - se necessario – al personale di supporto.

  • Posta elettronica

Tutti i cittadini possono ottenere gratuitamente l’attribuzione di una casella di posta certificata attraverso i servizi disponibili sul sito www.postacertificata.gov.it, ed una volta ottenuto l’indirizzo PEC potranno fare richiesta di ricevere il certificato reddituale sulla propria casella di posta elettronica scrivendo all'indirizzo  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Allo stesso indirizzo, i cittadini possono inoltrare la richiesta di CUD anche utilizzando la posta elettronica ordinaria, in questo caso, però, è necessario allegare alla mail la domanda firmata, e la copia fronte/retro di un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità.

  • Centri di assistenza fiscale

Per ottenere il CUD i cittadini possono rivolgersi e dare mandato ad un Centro di assistenza fiscale o ad altro professionista abilitato che abbia stipulato con l’Istituto la convenzione per la trasmissione dei modelli RED, in corso di validità. Il mandato conferito dal cittadino insieme alla fotocopia del documento del richiedente dovranno essere conservati dal CAF o dal professionista abilitato prescelti ed esibiti a richiesta dell’Inps.

  • Uffici postali

E’ possibile ottenere il CUD anche presso lo “Sportello Amico” degli Uffici postali aderenti al progetto “Reti Amiche”. 
Per questo servizio Poste Italiane prevede il pagamento di una somma pari ad € 3,27.
Gli sportelli aderenti all’iniziativa sono distribuiti su tutto il territorio nazionale e consultabili nel seguente elenco.

  • Sportello mobile per utenti ultraottantacinquenni e pensionati residenti all’estero

Per alcune categorie di utenti particolarmente disagiati ed impossibilitati ad avvalersi dei canali fisici e telematici, l’Inps ha attivato presso tutte le strutture territoriali lo “Sportello mobile”. Un servizio dedicato al rilascio con modalità agevolate di alcuni prodotti istituzionali.

Gli utenti ultraottantacinquenni titolari di indennità di accompagnamento possono richiedere telefonicamente, all’operatore dello Sportello Mobile della propria sede Inps l’invio a domicilio del certificato reddituale.

Per i pensionati residenti all’estero sono stati previsti i seguenti numeri telefonici dedicati: 06.59054403 – 06.59053661 – 06.59055702 attivi dalle 8,00 alle 19,00 (ora italiana) ai quali, fornendo i propri dati anagrafici e il codice fiscale, si può chiedere l’invio a domicilio del CUD.

  • Spedizione CUD a domicilio

L’Inps garantisce, comunque, l’invio del CUD a domicilio ai cittadini che ne facciano specifica richiesta attraverso il Contact Center.

A tale scopo, oltre al numero 803 164 gratuito da rete fissa e al numero 06 164 164 a pagamento da cellulare, è stato attivato il nuovo numero verde 800 434 320 dedicato (funzionante in modalità automatica senza intervento dell’operatore) raggiungibile solo da rete fissa, attraverso il quale si può richiedere l’invio a domicilio del proprio certificato reddituale.

La richiesta può essere fatta anche da un familiare, e il CUD verrà inviato al domicilio, noto all’Inps, dell’interessato.

  • Rilascio del CUD a chi non è titolare (Delega)

Il CUD può essere rilasciato anche a persona diversa dal titolare che dovrà esibire il proprio documento identificativo, la delega e la fotocopia del documento di riconoscimento dell’interessato.

Se il delegato invia la richiesta tramite la propria posta elettronica certificata, può non allegare il proprio documento di riconoscimento.