Get Adobe Flash player
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi160
mod_vvisit_counterIeri669
mod_vvisit_counterSettimana160
mod_vvisit_counterMese21411
mod_vvisit_counterTotale1890768

Oggi è il 22 Gen 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



“Made in”, migliora la sicurezza dei prodotti, ma ancora esclude gli alimentari

 

Buone notizie dalla Commissione mercato interno del Parlamento Europeo che ha dato il via libera al pacchetto legislativo per l’indicazione d’origine dei prodotti, passo importante a tutela dei consumatori atta a garantire provenienza e tracciabilità degli acquisti, e contrastare il crescente fenomeno della contraffazione che danneggia imprese ed operatori del settore, e mette a rischio la sicurezza degli utenti.


Se la nuova disposizione verrà approvata infatti, in aggiunta al marchio obbligatorio CE, potranno essere immessi nel mercato solo prodotti che sull’etichetta recano anche la dicitura “made in”, indicazione che consentirà maggior correttezza d'informazione, e far conoscere finalmente ai consumatori il vero paese di produzione del bene, a tutela dei produttori Europei, e delle eccellenze del “Made in Italy” troppo spesso "imitate" da prodotti con nomi o riferimenti Italiani, ma le cui origini reali sono ben diverse.


Accogliamo positivamente il parere favorevole della commissione al nuovo pacchetto, commenta il Presidente Avv. Rocco SOFI, ed apprezziamo la decisione di respingere gli emendamenti che tentavano di eliminare o di “limitare” l’obbligo dell’indicazione di origine, tuttavia, aggiunge l’Avv. SOFI, consideriamo il provvedimento insufficiente in quanto al momento è limitato ai soli prodotti merceologici, mentre riteniamo fondamentale che il principio sia esteso anche ai prodotti del settore alimentare, chi consuma infatti ha il diritto di sapere cosa acquista, come è stato prodotto, con quali ingredienti, avere la garanzia che gli standard igienici sono stati rispettati, fattori per i quali l’indicazione d’origine del prodotto è determinante.

 

Solo una completa informazione sull’origine dei prodotti alimentari, e sulle materie prime che li compongono potrà infatti garantire qualità e tracciabilità certe, evitando ai consumatori di acquistare alimenti non sicuri.