Get Adobe Flash player
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1213
mod_vvisit_counterIeri1320
mod_vvisit_counterSettimana4929
mod_vvisit_counterMese30533
mod_vvisit_counterTotale2005498

Oggi è il 25 Apr 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



Dichiarazione redditi 2014: 730, 770, Cud, IVA, Unico

 

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso i nuovi modelli da usare per la dichiarazione dei redditi 2014, divisi in vari capisaldi (730, 770,

Iva, Cud, Cupe, Unico, ecc.,) consultabili a fondo pagina completi di istruzioni.

I nuovi moduli recepiscono le modifiche introdotte dal "Decreto del fare" che è utile analizzare per rilevarne le novità, iniziando dalle tempistiche:

♦ Cud: va consegnata al contribuente entro il 28 febbraio 2014 (a cura del datore di lavoro o ente pensionistico).

♦ 730: va consegnato al datore di lavoro o ente pensionistico entro il 30 aprile, oppure a CAF o intermediari abilitati entro il 31 maggio, che dovranno rilasciarne copia al contribuente entro il 31 maggio (CAF) e il 17 giugno (commercialisti abilitati)

♦ 770: va presentato entro il 31 luglio esclusivamente per via telematica (direttamente o tramite intermediario abilitato)

♦ IVA: va presentata entro il 30 settembre, esclusivamente per via telematica.

♦ Unico: va presentata entro il 30 settembre, esclusivamente per via telematica. (*)

(*) Possono presentarlo in formato cartaceo i contribuenti che pur avendo redditi dichiarabili con modello 730, devono comunicare i dati contenuti nei quadri RM, RT, RW, AC, del modello Unico, o che devono presentare dichiarazioni per conto di contribuenti deceduti.


Rimandando ai settori specializzati i dettagli per i modelli IVA, 770, Cupe, imposte e transazioni varie, (comunque allegati) in quanto solitamente finalizzati a professionisti e in generale debitamente curati da assistenti fiscali, analizziamo le principali caratteristiche dei nuovi modelli CUD e 730, che risultano essere quelli di maggiore interesse per i consumatori.

CUD (Certificato Unico Dipendente):

È la certificazione dei redditi da lavoro dipendente, pensione e assimilati, rilasciata dal datore di lavoro o Ente pensionistico, che attesta le somme percepite dal lavoratore e le ritenute trattenute dallo Stato.

Introdotto nel 1998 in sostituzione dei "vecchi" modelli 101 (lavoratori), 201 (pensionati), e includendo anche gli imponibili previdenziali (contributi trattenuti a fini pensionistici), raccoglie tutti i redditi corrisposti dal datore di lavoro o dall’Ente pensionistico nell'anno solare, è viene consegnato completo delle schede per destinare il 5‰ e l'8‰, per chi è esentato dal presentare il modello 730.

Viene rilasciato in doppia copia entro il 28 febbraio dal datore di lavoro o dall'Ente pensionistico, e può essere consegnato al contribuente con due modalità:


♦ Telematica, sul portale ufficiale dell’Inps seguendo la procedura automatica, che necessita di codice fiscale e codice identificativo Pin (approfondisci invio CUD telematico).


♦ Cartacea (obbligatoria per eredi o per dipendenti che hanno cessato il rapporto) rilasciata da:

◊ dal datore di lavoro

◊ da sportelli territoriali dell’Inps:

◊ dai Caf (in modo gratuito)

◊ da professionisti abilitati;

◊ dall’ufficio postale, facendone richiesta allo “sportello Amico”.


Può presentare il CUD chi ha percepito solo redditi da lavoro (purché interamente contemplati nel CUD) o è detentore di pensioni, tuttavia chi nella dichiarazione intende avvalersi della detrazione di imposta (interessi passivi, assicurazioni, spese mediche, ecc.,) dovrà presentare il modello 730 o il modello "Unico".

 

Modello 730: utilizzato per la dichiarazione dei redditi "semplificata" di lavoratori dipendenti e pensionati. Novità e conferme:

♦ Figli a carico: le detrazioni salgono da da 900 a 1.220 euro per figli fino a tre anni, e da 800 a 950 euro per figli oltre tre anni, la detrazione aggiuntiva sale da 220 a 400 euro per figli disabili;

♦ Bonus ristrutturazioni: confermata la detrazione IRPEF del 50% per interventi di ristrutturazione edilizia e il bonus "mobili" per le spese degli arredi;

♦ Bonus efficienza energetica: confermata la detrazione IRPEF del 65% per le spese di riqualificazione energetica degli edifici fino ad un ammontare complessivo di 96.000 euro;

♦ 8 per mille: ampliata la lista degli istituti cui poter destinare l'otto per mille (Unione Buddhista Italiana, e Unione Induista Italiana Sanâtana Dharma);

♦ Detrazioni del 19%: detrazione estesa a istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica e delle università; all’innovazione universitaria; per erogazioni liberali in denaro al Fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato;

♦ Detrazioni del 24%: detrazione per erogazioni liberali a ONLUS, partiti e movimenti politici, aumentata dal 19 al 24%;

♦ Deduzioni: la deduzione sui canoni di locazione (valida per i contratti senza cedolare secca) si riduce dal 15 al 5% del valore contrattuale;

♦ Assicurazioni: la detrazione del 19% su premi su assicurazione vita e infortuni resta fruibile, ma solo fino al limite di 630 euro.

♦ Credito d'imposta: IMU, Tares, e altre imposte che richiedono il bollettino F24, ora si possono pagare tramite credito d'imposta, compensandole sempre tramite F24.

♦ Sostituto d'imposta: Il 730 può essere presentato anche senza sostituto d’imposta, purché completo dei redditi da lavoro dipendente, pensione, assimilati, percepiti nel 2013, per fruire dell'opzione occorre barrare la casella “dipendenti senza sostituto” nel riquadro dati del sostituto d’imposta, abilitando come intermediario pertanto, il Caf, o un professionista abilitato.

 

Moduli per la dichiarazione dei redditi 2014, resi disponibili in forma definitiva dall'Agenzia delle Entrate:

730 2014 (+ istruzioni)
770 2014 ordinario (+ istruzioni)
770 2014 semplificato (+ istruzioni)
Cud 2014 (+ istruzioni)

Cupe 2014 (+ istruzioni)

Dichiarazione di successione

Imposta assicurazione premi e accessori

♦ Imposta transazioni finanziarie

Iva 2014 (+ istruzioni)

Iva base 2014 (+ istruzioni)

♦ Operazioni intracomunitarie

Unico 2014 (+ istruzioni)