Get Adobe Flash player
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi568
mod_vvisit_counterIeri1560
mod_vvisit_counterSettimana8495
mod_vvisit_counterMese15326
mod_vvisit_counterTotale2289248

Oggi è il 17 Nov 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



Colleferro, AreaConsumatori ed Impegno Comune denunciano la situazione di stallo

<< L'ospedale non va smantellato >>


Articolo ripreso da "Il giornale della Provincia" inserto de "Il Tempo" di domenica 3 luglio 2016

 

L’agone politico di Colleferro dopo un anno dall’insediamento della Amministrazione Comunale, guidata da Pierluigi Sanna, torna ad animarsi, anzitutto grazie al ritrovato dinamismo delle formazioni, di varie estrazioni, che muovono dall’opposizione, dentro e fuori il consiglio Comunale. È su questa direttrice che “Impegno Comune” e l’associazione “AreaConsumatori”, lo scorso venerdì 1° luglio 2016 hanno adunato i cittadini in un’assemblea Pubblica moderata dal direttore del portale online “Lanotiziah24.com”, Daniele Flavi, per informare e colloquiare sui molteplici dossier ancora roventi che, nonostante il mutamento dello scenario locale, avvenuto radicalmente lo scorso anno, ancora insistono sulla quotidianità del popoloso centro Casilino. Tra essi il rapporto con ACEA Spa, l’ospedale “Parodi Delfino” e il termovalorizzatore, ma anche, non essendo assolutamente secondario, l’arredo urbano che, a Colleferro sembra essere piombato in una china inarrestabile. L’Avvocato Rocco Sofi, in duplice veste di Presidente “AreaConsumatori” e di leader di “Impegno Comune”, ha focalizzato l’attenzione sui rapporti del Comune di Colleferro con ACEA Spa e sullo stallo, a tutt’oggi evidente, in materia termovalorizzatori: un asso d’orato utilizzato, talvolta in maniera demagogica, in campagna elettorale, dall’attuale primo Cittadino. Denunciare i potenti della Regione Lazio sull’annosa questione dell’Ospedale di Colleferro (soppressione di ben quattro reparti: Ginecologia, Ostetricia, Pediatria e Neonatologia) non è stato semplice, nonostante ciò noi abbiamo mosso in tal senso. Le procure stanno facendo indagini, ci sono altri movimenti in corso, anche per quanto riguarda la chiusura di altri reparti dell’Ospedale “Parodi Delfino”. La nostra azione, a difesa dei Cittadini, affinché Colleferro non regredisca non si è mai fermata: questa è la dimostrazione incontrovertibile. Presenti, tra i numerosissimi, anche degli amministratori del territorio, anche dei Monti Lepini; oltre, ovviamente, ad alcuni Consiglieri Comunali di minoranza del Comune di Colleferro. L’Avvocato Girolami ha pubblicamente ringraziato l’alleato “ImpegnoComune” (una delle liste che nel 2015 hanno composto la coalizione moderata per Girolami Sindaco) oltre ad esortarlo a non diminuire il meritato lavoro che sta portando avanti, seppur non all’interno della massima assemblea elettiva. Di tenore più tecnico, incentrata sui problemi dell’arredo Urbano, è stata l’oratoria dell’Avvocato Michela Orefice, che ha delineato un vasto ed articolato quadro d’insieme, sullo stato oggettivo dei fatti, che appare non esaltante, a cui si dovrebbe porre rimedio. Da piazza “Pier Gobetti” si è levata una presa di coscienza civica, culturalmente trasversale, sullo “stato di salute” della città di Colleferro a tuttotondo.