Get Adobe Flash player
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi355
mod_vvisit_counterIeri1276
mod_vvisit_counterSettimana5861
mod_vvisit_counterMese24012
mod_vvisit_counterTotale2136256

Oggi è il 20 Lug 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



Raccolta firme per chiudere il Tmb di Solle Sughero

<<No al revamping. Si allo smantellamento. Banchi informativi sparsi in città>>


Articolo ripreso da "Il giornale della Provincia" inserto de "Il Tempo" di domenica 10 luglio 2016


L’associazione “Impegno Comune” di Colleferro ha lanciato nei giorni scorsi, in Piazza Gobetti, l’idea di una petizione popolare

ai sensi dell’art. 50 dello statuto del Comune di Colleferro.

 

No al revamping degli inceneritori. Si al loro smantellamento. Saranno presenti per la raccolta firme:

 

◊ Il 14 luglio presso largo S. Francesco (fronte uff. Postale) dalle ore 17 alle ore 20;

Il 19 luglio sarà la volta di via Sobrero (angolo Vigili del Fuoco) dalle ore 10 alle ore 13;

Il 21 luglio appuntamento in piazzale della Stazione sempre dalle ore 17 alle ore 20;

Il 26 luglio infine raccolta di firme in via F. Berni (fronte mercato) dalle ore 10 alle ore 13.

 

“Sottoscriviamo l’Impegno Comune a perseguire l’obiettivo dello smantellamento degli inceneritori siti nel Comune di Colleferro in località Colle Sughero” - ci spiega l’Avv. Rocco SOFI esponente dell’associazione Impegno Comune - a contribuire a definire tempi e modalità di spegnimento puntando da subito sulla progettazione e realizzazione della cosiddetta “Fabbrica dei materiali”; a sostenere la raccolta differenziata porta a porta in ogni parte della

città, garantendo così l’adozione di una tariffa più equa; a considerare i rifiuti come una risorsa ambientale ed economica mediante il riciclo e il riuso dei materiali; a perseguire in via definitiva e urgente la tutela del bene salute, costituzionalmente garantito, già gravemente compromesso in danno degli abitanti della valle del Sacco”, la mobilitazione nasce non solo in favore dell’ambiente ma anche in favore dei cittadini e di una loro qualità di vita migliore oggi e in futuro.