Get Adobe Flash player
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi345
mod_vvisit_counterIeri1276
mod_vvisit_counterSettimana4037
mod_vvisit_counterMese30941
mod_vvisit_counterTotale2005906

Oggi è il 26 Apr 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



Colleferro, discarica aperta fino al 2022. La regione proroga l’AIA a Colle Fagiolara

 

Articolo ripreso da "LaNotiziah24.com" del 17 aprile 2017


Bello il regalo di Pasqua del presidente Zingaretti ai Sindaci di Colleferro, Paliano, Valmontone e Genazzano dopo quello di ottobre scorso, anticipato sempre dalla nostra testata in questo articolo del proseguimento “dell’innalzamento” di altri 7 metri e che provocò reazioni a dir poco scomposte.

La Regione Lazio, tramite il suo funzionario direttore Regionale Ing. Mauro Lasagna, ha rinnovato l’autorizzazione l’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) per la discarica di Colleferro, Colle Fagiolara fino al 2022, altro che l’annunciata chiusura nel 2019. Il tutto mentre a Colleferro si discuteva sull’affidamento degli impianti sportivi con i due presidenti di rugby e calcio che hanno rassegnato le loro dimissioni e mentre a Paliano si vivevano giorni di grande esposizione mediatica con l’arrivo al carcere, giovedì scorso. di  Papa Francesco.

Il Presidente Zingaretti e la sua giunta hanno preparato un bel regalo alle amministrazioni comunali dei comuni a sud di Roma e soprattutto nei confronti di Colleferro dove il sindaco Sanna ci dicono i bene informati, appena appresa la notizia, sarebbe stato quattro ore al telefono per cercare una soluzione, ed hanno rilasciato a Lazio Ambiente S.p.a. il rinnovo dell’autorizzazione Integrata Ambientale con Decreto Commissariale di Colle Fagiolara fino al 2022. Smentendo così di fatto tutto quello che si erano detti i sindaci del comprensorio della Valle del Sacco, ma soprattutto quanto asserito dal Sindaco Sanna in più occasione, anche durante il Consiglio Comunale straordinario e quello che ripeteva il nostro selfiemaniaco sindaco di Paliano, Alfieri chi? da mesi e mesi.

Disattese anche le promesse dell’assessore all’ambiente Mauro Buschini che evidentemente conta molto poco e che nell’ultimo incontro durante l’assemblea dei lavoratori aveva assicurato che la discarica avrebbe chiusu nel 2019.

Addio, dunque, ai buoni propositi espressi dall’assessore all’ambiente di Colleferro Giulio Calamita, che dei rifiuti ne ha fatto materia di studio per cercare di essere sempre più convincente anche nei confronti degli altri comuni e che aveva “abbracciato” la causa della chiusura della discarica nel 2019 e oggi è costretto a rivedere tutti i suoi piani nonostante la buona volontà di mostrare un minimo di cambiamento.


Ormai i colleferrini e tutti gli abitanti dell’ampia zona a sud di Roma dovranno “morire di monnezza” dichiarava qualcuno interessato alla vicenda questa mattina in piazza. Nonostante le volontà della giunta Sanna di cambiare l’economia locale in turistica e non più industriale come fatto in Toscana da molti paesi e con l’avvio della raccolta differenziata porta a porta nei prossimi giorni che, comunque, rappresenterà un punto importante in quanto Colleferro è la città più grande di tutta la zona. Resta da chiedersi come mai l’amministrazione regionale di sinistra con Zingarettia a capo non comunica con gli amministratori, gran parte anch’essi di centro sinistra, della zona a sud di Roma? di cosa ha paura? di perdere i voti per le prossime regionali dove sarà di nuovo il candidato Presidente? ora che faranno i vari Sanna, Alfieri, Ascenzi e Latini? Nei prossimi giorni vi terremo aggiornati