Get Adobe Flash player
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi899
mod_vvisit_counterIeri738
mod_vvisit_counterSettimana899
mod_vvisit_counterMese3086
mod_vvisit_counterTotale2089532

Oggi è il 03 Ago 2020
Fade Iterator



Meteo settimanale Colleferro



COVID-19, Maxi decreto e nuovo modulo di autocertificazione: cosa cambia dal 17 marzo:

730

In vigore dal 17 marzo 2020 un nuovo modulo di autocertificazione per giustificare gli spostamenti, rispetto al precedente modello contiene una nuova importante voce: chi esce dalla propria abitazione deve dichiarare di non essere sottoposto alla misura di quarantena e di non essere risultato positivo al COVID-19, così come previsto dall'art. 1, comma 1, lettera c) del D.P.C.M. 8 marzo 2020, per chi rientra in questi casi, infatti, è fatto divieto assoluto di muoversi dalla propria abitazione.

Il nuovo modello prevede inoltre che l’operatore di polizia, identificato il richiedente controfirmi l’autodichiarazione attestando che la stessa è resa in sua presenza, rendendo in tal modo non più necessario allegare alla dichiarazione anche la fotocopia del documento d’identità del controllato. scarica la nuova certificazione

 

Maxi decreto: misure per imprese e famiglie

Approvata dal consiglio dei ministri la manovra definita "Cura Italia" con 127 articoli per 25 miliardi di euro, provvedimento annunciato come una prima risposta alla crisi coronavirus cui seguirà un “decreto aprile”, con un piano per gli investimenti pubblici. Le misure principali riguardano sanità, lavoro, tasse e mutui, e congelano tutti gli adempimenti fiscali ad iniziare da quello in scadenza il 16 marzo. Nel dettaglio:

 

♦ Sanità e Protezione Civile:

Potenziamento della sanità e della protezione civile (circa 1.15 miliardi ciascuno). Incremento del Fondo emergenze nazionali (1,65 miliardi). Rafforzamento del Sistema sanitario nazionale con circa 20mila assunzioni già deliberate. Riconoscimento di straordinari a medici e infermieri (150 milioni). Potenziamento delle reti di assistenza territoriale (350 milioni). Coinvolgimento della sanità privata con personale sanitario, locali e apparecchiature. Nuove aree sanitarie (interne ed esterne alle strutture) attivabili dalle regioni. Personale medico potrà restare in attività oltre i limiti previsti per la pensione. Abilitazione diretta alla professione medica per neo-laureati (10.000 medici). Possibilità di ricorrere a medici provenienti dall’estero. Finanziamenti agevolati per aziende produttrici di dispositivi medici e mascherine (50 milioni). Per tutta la durata dell'emergenza, è permessa la produzione di mascherine in deroga alle norme, purché autorizzate dall’Istituto superiore di sanità. Possibilità per i Prefetti di requisire presidi sanitari e medico-chirurgici, beni mobili e immobili (alberghi compresi), per ospitare le persone in quarantena e isolamento. Arruolamento eccezionale per un anno di 120 medici e 200 infermieri dell’Esercito. Inail autorizzato ad assumere 200 medici e 100 infermieri. Potenziamento del personale dell’Istituto superiore di sanità.


♦ Lavoro:

Ammortizzatori sociali straordinari estesi a tutto il territorio nazionale, retroattivi dal 23 febbraio. Blocco dei licenziamenti per 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto, e sospensione delle procedure di licenziamento pendenti avviate dopo il 23 febbraio. Il periodo di quarantena o isolamento sorvegliato è equiparato alla malattia. Stanziamento straordinario per stipendi di lavoratori costretti al fermo forzato, di genitori con figli e persone non autosufficienti a carico (10 miliardi). Cassa integrazione estesa al pubblico e privato (5 miliardi) ad esclusione dei lavoratori domestici. Incentivazione del lavoro a distanza per la pubblica amministrazione ed utilizzo di ferie e permessi dove non praticabile, organici al minimo per garantire i soli servizi essenziali, da attuare possibilmente con procedure online e telefoniche. 100 euro "esentasse" a lavoratori con redditi fino a 40mila euro, che in questi giorni sono sul posto di lavoro.


♦ Congedi e bonus:

Congedo di 15 giorni a genitori lavoratori con figli fino a 12 anni, senza limiti d’età con figli disabili, esteso anche agli autonomi iscritti alla gestione separata dell’Inps. Indennità del 50% della retribuzione (1,2 miliardi), in alternativa, possibilità di usufruire del bonus baby sitter di 600 euro, che sale a 1.000 euro per medici, infermieri e operatori sanitari. Godimento di 12 giorni di permesso retribuito in più (legge 104) per marzo e aprile (550 milioni).


♦ Partite Iva e autonomi:

Tutela a professionisti e autonomi (3 miliardi) per il periodo di inattività. Indennità una tantum di 600 euro a marzo (rinnovabile ad aprile con un’ulteriore misura) per lavoratori autonomi, co-co-co, stagionali del turismo, dell’agricoltura, e lavoratori dello spettacolo. Sostegno (10 milioni) per collaboratori di società e associazioni sportive dilettantistiche. Proroga dei termini di presentazione delle domande di disoccupazione agricola, Naspi e Diss-Coll. Istituzione di un “Fondo di ultima istanza” (300 milioni) per coprire tutti gli esclusi dai 600 euro di indennizzo, compresi i professionisti iscritti agli ordini.


♦ Liquidità a imprese e famiglie:

Rafforzato il Fondo di garanzia delle PMI con liquidità alle imprese in difficoltà (1 miliardo), norma che si aggiunge ai 7 miliardi messi a disposizione dal Cdp. Garanzia dello Stato a sostegno del credito all’esportazione nel settore turistico. Clausola salva fidi e sospensione delle rate dei mutui fino al 30 settembre 2020 per piccole e medie imprese. Garanzia pubblica dello stato al Cdp per le imprese più grandi (500 milioni). Sospensione del mutuo prima casa (per nove mesi) per lavoratori autonomi con un calo del fatturato maggiore del 33% rispetto al 2019, senza presentare l’Isee. Rinvio del pagamento dei contributi per il lavoro domestico per le famiglie. Credito d'imposta per il canone d'affitto di botteghe e negozi per il mese di marzo 2020 (60 per cento). Finanziamento ai tassisti per installare paratie divisorie nell’auto (2 milioni). Fondo per il trasporto aereo (600 milioni). Alitalia potrà costituire una nuova società interamente controllata dal Ministero dell’economia, o da una società a prevalente partecipazione pubblica anche indiretta. Cassa integrazione in deroga ai dipendenti di Air Italy.


♦ Stop a tasse e contributi:

Stop all'attività di riscossione dell'Agenzia delle entrate prorogata fino al 31 maggio. Sospensione del versamento di ritenute, contributi previdenziali e assistenziali alle imprese fino al 20 marzo, data estesa al 31 maggio per imprese con ricavi inferiori a 2 milioni di euro. Sospensione senza limiti di fatturato per le strutture più colpite quali strutture alberghiere, termali, trasporto passeggeri, ristorazione e bar, cinema, teatri, sport, istruzione, parchi divertimento, eventi (fiere e convegni), sale giochi e centri scommesse. Sospensione delle ritenute d’acconto sulle fatture di marzo e aprile per professionisti senza dipendenti con ricavi inferiori a 400 mila euro. sospensione estesa al 30 giugno per società sportive e dilettantistiche. Terminata l'emergenza tutti potranno pagare in un’unica soluzione o in 5 rate mensili. Restano valide le scadenze previste per le comunicazioni relative al 730 precompilato e alle spese detraibili.


♦ Proroghe ed esami:

Le società potranno convocare l’assemblea d'approvazione del bilancio entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio. Slittano al 30 giugno i termini per la chiusura contabile del 2019. Soci e azionisti possono partecipare telematicamente alle assemblee. Proroga al 31 maggio per rendiconti e bilanci d'esercizio degli enti locali. Rinvio delle sessioni di laurea. Rinvio a dopo l'estate del referendum sul taglio dei parlamentari.

 

♦ Rinvio documenti e revisione auto:

I documenti d’identità in scadenza manterranno la validità fino al 31 agosto, tranne quelli per l’espatrio. Le revisioni in scadenza per auto moto e autocarri immatricolate da marzo a luglio 2016, o sottoposte a revisione da marzo a luglio 2018 sono rinviate e potranno essere revisionate entro il 31 ottobre 2020 senza alcuna sanzione.


 

Scarica la nuova autocertificazione

Leggi e scarica il nuovo dl 17 marzo 2020

Visita per i dettagli il sito del Governo