Get Adobe Flash player

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi32
mod_vvisit_counterIeri940
mod_vvisit_counterSettimana5906
mod_vvisit_counterMese20614
mod_vvisit_counterTotale1889971

Oggi è il 21 Gen 2018



Fade Iterator

Meteo settimanale Colleferro



Italia-programmi.net oscurata e sottoposta a sequestro

 

Italia-programmi.net di Estesa Limited è stata oscurata e sottoposta a sequestro, il provvedimento è stato preso dalla Procura di Milano dopo che, persino al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è stata recapitata una cartella di sollecito di pagamento di € 96 + spese di recupero del credito, pagamento da effettuare sul conto di una banca con sede a Cipro.

La società Estesa Limited già da tempo era nel mirino dell'Antitrust, ma l’ultima "iniziativa" di sollecito di pagamento presa nei confronti del Quirinale è stata la “goccia di troppo”, e dopo migliaia di denunce di normali cittadini, una denuncia così autorevole ha fatto infine scattare il provvedimento in cui viene contestata la truffa, o il tentativo di truffa.

Il Presidente Napolitano peraltro non è stato la sola “vittima" illustre poiché già nel 2011 anche Antonio Catricalà, all’epoca presidente dell'Antitrust, ricevette la stessa notifica, e senza aver mai effettuato accessi al sito.

Italia-programmi.net di Estesa Limited con sede alle isole Seychelles era tristemente nota da tempo, il sito offriva software gratuiti, senza informare gli utenti in maniera esplicita che l'accesso all'area di download era a pagamento. La registrazione richiesta per scaricare il software infatti, era in realtà un contratto stipulato con la Estesa Ltd nel quale l'ignaro utente s’impegnava a versare € 96/anno anticipati.

Importante sapere per gli utenti, che dopo la dichiarazione di "pratica scorretta" emessa dal Garante, e dopo che la Procura di Roma ha aperto un fascicolo, nel caso ricevessero una lettera di tale fattispecie da Estesa Ltd, oltre a non pagare, devono rivolgersi alle forze di Polizia per denunciare il fatto, indicando altresì che verso Italia-programmi.net è in atto il procedimento penale n.52184/11.

 

M.Rossi: Fonti del Corriere della Sera